QUESTO PORTALE WEB UTILIZZA COOKIES TECNICI Ulteriori informazioni.

Ministero della pubblica amministrazione

logo

UN VIAGGIO DA VIVERE INSIEME

L'Istituto Comprensivo ANDRANO promuove l'educazione e l'istruzione, il progresso culturale, affettivo e sociale di tutti gli allievi, sulla base dei principi fissati dalla Costituzione, delle leggi e delle norme che regolano l'istituzione scolastica e delle Raccomandazioni europee, tenendo conto delle peculiarità del territorio in cui opera e dei bisogni e delle potenzialità di ciascuno.  

La VISION del nostro Istituto è ispirata ai quattro "pilastri dell’educazione":

  • imparare a essere;
  • imparare a vivere insieme;
  • imparare a conoscere;
  • imparare a fare.

La MISSION  punta a garantire il successo formativo di ogni alunno favorendo:

  • la maturazione e la crescita umana;
  • lo sviluppo delle potenzialità e personalità;
  • le competenze sociali e culturali.

 Su questi principi la Scuola costruisce l'Offerta Formativa.

La legge 107/2015 ha introdotto numerose novità, fra le quali l'elaborazione del Piano triennale dell'offerta formativa. Il dettato normativo è stato oggetto di ampia discussione in sede di Collegio dei Docenti e di Consiglio di Istituto e nell'ambito di riunioni ristrette. Sulla base dell'analisi di Istituto condotta nel Rapporto di autovalutazione e delle priorità e degli obiettivi individuati, del confronto con gli Enti locali e con i Genitori, il Nucleo Interno per la Valutazione ha elaborato il Piano di Miglioramento. Gli esiti delle discussioni e della condivisione sono stati formalizzati dal Dirigente nell'Atto di indirizzo. I Docenti hanno quindi elaborato il Piano triennale dell'offerta formativa, "documento fondamentale costitutivo dell'identità cultu­rale e progettuale delle istituzioni scolastiche", che "esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa e organizzativa che le singole scuole adottano nell'ambito della loro autonomia" (art. 3 DPR 275/1999, come modificato dal comma 14 dell'a.rt. 1 della legge 107/2015).

 

 

                                                                                             INDIRIZZO MUSICALE

                

 L’Istituto Comprensivo Andrano nella Scuola Secondaria di I grado di Spongano attua – in linea con gli obiettivi dell’insegnamento della musica in generale che prevedono “fondamenti della tecnica di uno strumento musicale” e coerentemente con il nuovo piano ordinamentale – un ampliamento dell’Offerta formativa con un corso triennale ad Indirizzo Musicale che prevede lo studio di uno dei seguenti quattro strumenti: chitarra, clarinetto, violino e pianoforte..

Finalità formative dell’insegnamento strumentale:

  • promuove la formazione globale dell’individuo offrendo, attraverso un’esperienza musicale resa più completa dallo studio di uno strumento, occasioni di maturazione logica, espressiva e comunicativa, di consapevolezza della propria identità e quindi di capacità di operare scelte;
  • consente una coerente appropriazione del linguaggio musicale nella sua globalità, come mezzo di espressione e comunicazione, di comprensione partecipata dei patrimoni delle diverse civiltà, di sviluppo del gusto estetico e del giudizio critico;
  • integra il modello curricolare con percorsi disciplinari che sviluppino nell’alunno oltre alla dimensione cognitiva anche quella pratico-operativa, quella estetico-emotiva, quella improvisativo-compositiva;
  • fornisce ulteriori occasioni di integrazione e di crescita ad alunni in situazione di svantaggio ma permette anche di potenziare e valorizzare le eccellenze.

 

                                                                                                 COMPETENZE     

                                                               DM 742/17

art. 1 (Finalità della certificazione delle competenze)

l. Le istituzioni scolastiche statali e paritarie del primo ciclo di istruzione certificano l’acquisizione delle competenze progressivamente acquisite dalle alunne e dagli alunni.

2. La certificazione descrive il progressivo sviluppo dei livelli delle competenze chiave e delle competenze di cittadinanza, a cui l’intero processo di insegnamento-apprendimento è mirato, anche sostenendo e orientando le alunne e gli alunni verso la scuola del secondo ciclo di istruzione.

3. La certificazione delle competenze descrive i risultati del processo formativo al termine della scuola primaria e secondaria di primo grado, secondo una valutazione complessiva in ordine alla capacità di utilizzare i saperi acquisiti per affrontare compiti e problemi, complessi e nuovi, reali o simulati.

art. 2 – (Tempi e modalità di compilazione della certificazione)

l. La certificazione delle competenze è rilasciata al termine della classe quinta di scuola primaria e al termine del primo ciclo di istruzione alle alunne e agli alunni che superano l’esame di Stato, di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 62.

2. Il documento, redatto durante lo scrutinio finale dai docenti di classe per la scuola primaria e dal consiglio di classe per la scuola secondaria di primo grado, è consegnato alla famiglia dell’alunna e dell’alunno e, in copia, all’istituzione scolastica o formativa del ciclo successivo.

art. 3 – (Modello nazionale di certificazione delle competenze al termine della scuola primaria)

l. Tenuto conto dei criteri indicati dall’articolo 9, comma 3, del decreto legislativo n. 62/2017, è adottato il modello nazionale di certificazione delle competenze al termine della scuola primaria, di cui all’allegato A.

2. Per le alunne e gli alunni con disabilità, certificata ai sensi della legge n.104/92, il modello nazionale può essere accompagnato, ove necessario, da una nota esplicativa che rapporti il significato degli enunciati di competenza agli obiettivi specifici del piano educativo individualizzato.

art. 4 – (Modello nazionale di certificazione delle competenze al termine del primo ciclo di istruzione)

l. Tenuto conto dei criteri indicati dall’articolo 9, comma 3, del decreto legislativo n. 62/2017, è adottato il modello nazionale di certificazione delle competenze al termine del primo ciclo di istruzione, di cui all’ allegato B.

2. Il modello di cui al comma l è integrato da una sezione, predisposta e redatta a cura di INVALSI che descrive i livelli conseguiti dall’alunna e dall’alunno nelle prove nazionali di italiano c matematica.

3. Il modello è, altresì, integrato da una ulteriore sezione, predisposta e redatta a cura di INVALSI che certifica le abilità di comprensione e uso della lingua inglese ad esito della prova scritta nazionale, di cui all’articolo 7, comma 3, del decreto legislativo n. 62/2017.

4.11 repertorio dei descrittori relativi alle prove nazionali è predisposto da INVALSI e comunicato annualmente alle istituzioni scolastiche.

5. Per le alunne e gli alunni con disabilità, certificata ai sensi della legge n.104/1992, il modello nazionale può essere accompagnato, ove necessario, da una nota esplicativa che rapporti il significato degli enunciati relativi alle competenze del profilo dello studente agli obiettivi specifici del piano educativo individualizzato.

 

                                            ESAMI DI STATO  PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE A.SC. 2020/2021

 

 L’Ordinanza Ministeriale n. 52 del 03.03.2021 disciplina lo svolgimento degli Esami di Stato conclusivi del primo ciclo per il corrente anno scolastico

Si precisa che, per via della situazione epidemiologica in continua evoluzione, per il corrente anno scolastico, l’Esame di Stato per gli alunni iscritti alle classi III della Scuola Secondaria di I grado e gli alunni privatisti, si svolgerà con modalità in deroga rispetto alle norme vigenti, come sintetizzato di seguito.

PERIODO DI SVOLGIMENTO:

dal 12 giugno 2021 (termine delle lezioni) e entro il 30 giugno 2021.

AMMISSIONE ALL’ESAME:

per essere ammessi all’esame gli alunni devono :

•  aver frequentato almeno ¾ del monte ore annuale personalizzato, fatte salve le eventuali motivate deroghe deliberate dal collegio dei docenti;

• non essere incorsi nella sanzione disciplinare della non ammissione all’esame di Stato prevista dall'art. 4, commi 6 e 9bis, del DPR 249/2998;

• aver raggiunto una adeguata acquisizione dei livelli di apprendimento. Nel caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più discipline, il consiglio di classe può deliberare la non ammissione all’esame conclusivo del primo ciclo.

PROVE D’ESAME : 

l’Esame prevede una prova orale a partire dalla discussione di un elaborato su una tematica che sarà assegnata a ciascun alunno dal Consiglio di classe entro il 07 maggio.

L’elaborato consiste in un prodotto originale, coerente con la tematica assegnata dal Consiglio di classe, e può essere realizzato sotto forma di:

  • testo scritto;
  • presentazione anche multimediale;
  • mappa o insieme di mappe;
  • filmato;
  • produzione artistica o tecnicopratica o strumentale per gli alunni frequentanti i percorsi a indirizzo musicale.

 e coinvolgere una o più discipline tra quelle previste dal piano di studi.

 Per la classe 3^ ad Indirizzo Musicale, l’esame prevede anche lo svolgimento di una prova pratica di strumento.

I docenti dalla data di assegnazione della tematica e fino alla consegna dell’elaborato, saranno a disposizione per il supporto per la realizzazione degli elaborati stessi, guidando e consigliando gli studenti. Sarà un percorso condiviso che consentirà a ciascuno di esprimere quanto appreso.

Nel corso della prova orale, saranno accertati i livelli di padronanza della lingua italiana, delle competenze logico matematiche, delle competenze nelle lingue straniere e delle competenze in Educazione Civica.

La valutazione finale sarà espressa con votazione in decimi. , derivante dalla media, arrotondata all’unità superiore per frazioni pari o superiori a 0,5, tra il voto di ammissione e la valutazione dell’esame di cui all’articolo 2, comma 4.

 L’alunno consegue il diploma conclusivo del primo ciclo d’istruzione conseguendo una valutazione finale di almeno sei decimi.

La valutazione finale espressa con la votazione di dieci decimi può essere accompagnata dalla lode, con deliberazione all’unanimità della commissione, in relazione alle valutazioni conseguite nel percorso scolastico del triennio e agli esiti della prova d’esame.

  • Per gli alunni con disabilità, l’assegnazione dell’elaborato, la prova orale e la valutazione finale sono definite sulla base del Piano educativo individualizzato.
  • Per gli alunni con disturbi specifici dell’apprendimento, l’assegnazione dell’elaborato e la prova orale sono definite sulla base di quanto previsto dal Piano didattico personalizzato.
  • Per le situazioni di alunni con altri Bisogni educativi speciali, non ricompresi nelle categorie di cui alla legge 8 ottobre 2010, n. 170 e alla legge 5 febbraio 1992, n. 104, formalmente individuate dal consiglio di classe, non è prevista alcuna misura dispensativa in sede di esame, mentre è assicurato l’utilizzo degli strumenti compensativi già previsti per le prove di valutazione orali in corso d’anno.
  • Gli alunni privatisti sostengono l’esame con le stesse modalità indicate nei punti precedenti.

 

TEMPISTICHE : 

Entro il 07 maggio 2021: assegnazione da parte del Consiglio di Classe della tematica dell’elaborato, condivisa dall’alunno con i docenti della classe.

Entro il 07 giugno 2021: consegna da parte degli alunni dell’elaborato al Consiglio di classe.

Dal 12 giugno al 30 giugno 2021: svolgimento presentazione orale dell’elaborato.

Le date della presentazione orale saranno comunicate entro la fine delle lezioni, con specifica circolare.

 

 

 

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO 

URP

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di ANDRANO
Via del Mare n.15 – 73032 Andrano (LE)
Tel: 0836926076
PEO: LEIC8AP00X@istruzione.it
PEC: LEIC8AP00X@pec.istruzione.it
Cod. Mecc. LEIC8AP00X
Cod. Fisc. 92025260750
Fatt. Elett. UF2PRR